5.jpg

Spiritualità

Nel cuore della storia

6.jpg

La carità di Cristo

ci incalza 

(2 Cor 5,14). 

Ci sospinge la passione per il nostro tempo, per un mondo nuovo che geme per nascere, per una terra che, nonostante enormi potenzialità e progressi, non riesce a chiudere la forbice tra ricchezza e povertà, tra giustizia e ingiustizia, tra bellezza e tradimento.

Uno stile da vivere

La lettura di questi bisogni del tempo, mai disgiunta dalla forza della Parola, per essere testimoni credibili del Vangelo nell'oggi, induce le FRA ad assumere alcuni atteggiamenti.

7.jpg

I tratti di una comunità in diaspora

8.jpg

Fermento e lievito

Qual è il volto di una comunità che vive in diaspora? Nei tratti spirituali della comunità FRA s’incontrano l’intuizione e il carisma di Elena da Persico. Un carisma vivo per la Chiesa del terzo millennio. Una comunità che, come la prima comunità degli Apostoli, si lascia accompagnare da Maria.

Contemplazione nell'azione

Questi tratti si riassumono nella “contemplazione nell’azione”, cuore di tutta la spiritualità FRA, come lo Statuto chiaramente esprime:

9.jpg
10.jpg

Contemplative
in missione

Come il mercante del Vangelo che scopre una perla preziosa, va, vende tutto quello che ha e poi compra il campo, così chi sente la forza e l’attrazione radicale per il Vangelo, restando nella quotidianità, può aprirsi a una vita di consacrazione nella particolare forma della secolarità, cercando e amando l’impegno concreto nella storia.

L'originalità
di una sintesi spirituale

Vivere la “contemplazione nell’azione” significa coniugare il desiderio di sequela radicale del Signore con l’impegno operoso dentro ogni ambito di vita.

11.jpg
12. 0.jpg
12. 1.jpg

Le icone
della spiritualità FRA

L’affrettarsi della Madre di Dio per rendere il servizio alla cugina nel bisogno, e l’annuncio della resurrezione, portato dalla Maddalena ai “fratelli”, in risposta al «Va’» del Risorto, esprimono la sintesi di una vita in cui la dedizione a Dio e ai fratelli si compongono in unità.

La comunità

«Le FRA non vivono in comunità; ciascuna risiede dove il suo impegno lo richiede; ciononostante debbono sentirsi unite tra loro da un vincolo di fraternità profonda» (dallo Statuto).

13.jpg